lunedì 20 aprile 2009

TURIN MARATHON, CE L'HO FATTA: 2h.57m.58s !


Sotto un cielo uggioso partiamo alle 5:45 per Torino: siamo io, Ema e Max. La Turin Marathon ci aspetta! Già in autostrada la pioggia inizia a cadere e non ci abbandonerà più per tutto il giorno.Arriviamo in piazza Castello e subito capiamo che l'organizzazione è molto carente. Ritiriamo il pettorale e il pacco gara (una misera maglietta di cotone, qualche barretta energetica e 2 bottigliette d'acqua, il tutto per la "modica" spesa di 40 Euro !). I bagni e gli spogliatoi si trovano in un prato dietro il tendone ( a circa 700-800 metri dalla partenza ). In un pantano incredibile entriamo in una tenda da campo e sull'erba bagnata, compleamente al buio, ci cambiamo. Prima della partenza decidiamo di berci il solito caffè (anche x scaldarci un attimo...) ed entriamo in un bar lì a fianco, ma mentre finiamo di sorseggiarlo,ecco un gran frastuono: è già stata dato il via! Ci lanciamo dietro la linea di partenza e nel saltare una transenna mi scivola il piede sull'asfalto bagnato e un dolore lancinante mi colpisce la gamba sinistra: mi sembra che la mia gara possa finire ancor prima di cominciare .... Ma dopo i primi passi il dolore inizia a passare e quindi decido di tentare il tutto x tutto. Inizio a correre ad un buon ritmo per cercare di guadagnare qualche posizione e al quarto km. supero il pacemaker delle 3:15. Sto correndo quasi al ritmo di una mezza, tanto che verso il decimo raggiungo e supero il pace delle 3h. La pioggia continua incessante e qualche folata gelida sferza la faccia e le gambe. Raggiungo il traguardo della mezza in 1:28 e adesso so bene di dover dare tutto quello che posso. Proseguo piuttosto bene fino al 35° km, ma adesso i polpacci iniziano ad indurirsi e la fatica a farsi sentire. Stringo i denti e brancolando arrivo al ristoro del 40° km. Non ce la faccio più, decido di fermarmi a fare "merenda" ed accontentarmi di migliorare il mio personale di 3:07:30 conquistato il mese scorso a Roma. Ecco però giungere i pacemaker delle 3 ore che mi incitano a seguirli. Le gambe stentano a rispondere ma con la forza di volontà raggiungo il traguardo in 2:57:58 (Real Time)! Una bella soddisfazione che ripaga di tutta la fatica, del freddo e della disorganizzazione. Purtroppo i miei 2 amici si sono dovuti ritirare, così come tanti altri, soprattutto per le avverse condizioni meteo: un vero peccato!
Paolo Valsecchi (Articolo originale dal sito http://oggionokayakteam.blogspot.com/)

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Grande prestazione!!!! Complimenti!!!!!!!
Ma quando c'è la vostra gara dell'avis a Oggiono???

KayakRunner ha detto...

Grazie 1000 !
La corsa dell'Avis Oggiono è il 9 Maggio. Appena riesco pubblico il volantino.

LO ZIO ha detto...

2'57'' con partenza improvvisa????!!!
Cavoli, complimenti!!!

Anonimo ha detto...

se vai in canoa come corri fileresti come un motoscafo.bravissimo

Amici dello Stambecco is wearing Blue Weed by Blog Oh! Blog | To Blogger by Gre at Template-Godown | Entries (RSS) and Comments (RSS).